I tre ruggiti del Leone

I 3 RUGGITI DEL LEONE – Risponde Franco Leonetti

Piano di sviluppo pluriennale legato a Sarri protocollato ed archiviato tra i progetti messi da parte. Quali saranno le eventuali ripercussioni su Paratici e Nedved ? Verranno ridimensionati i loro settori di competenza, saranno affiancati da altri professionisti oppure avranno le medesime mansioni della passata stagione?

Progetto Sarri fallito, giusto voltare subito pagina dal punto di vista tecnico. Non certo sotto l’aspetto dirigenziale a poco meno di un mese dall’inizio della nuova stagione e con una rosa da ritoccare ampiamente guidata da un neofita in panchina. Non si possono fare tutte le rivoluzioni nel medesimo tempo, non certo ora. Alla Juventus chi sbaglia paga, tanto che Andrea Agnelli si è speso personalmente per la scelta di Andrea Pirlo, relegando Nedved e Paratici in un cantuccio. Tra 6 mesi-un anno, valuteremo se la dirigenza rimarrà tale, se qualcuno verrà depotenziato o affiancato, o ancora cambierà lido. Alla Juventus chi compie un passo falso si prende le proprie responsabilità, non resta che attendere gli sviluppi.

***

L’eliminazione sanguinosa dalla Champions League comporta anche un mancato ricavo, che si unisce al calo delle entrate a causa del COVID. Quali potrebbero essere le conseguenze a livello di calciomercato?

La Juve, dal mancato accesso alla final eight, ha perso una quarantina di milioni, che associati alle perdite Covid, fa un bel gruzzoletto. La società di Agnelli, anzitutto vuole dismettere giocatori che guadagnano molto e non faranno più parte della programmazione futura, Higuain e Khedira su tutti, ma non solo loro, poi si getterà sul mercato per portare alla corte di Pirlo giocatori funzionali al progetto nuovo. Pirlo non è un talebano tattico ma è malleabile ed elastico mentalmente , quindi potrebbe giocare a 3 o a 4 dietro, con un centrocampo a 3 o 4 a sostenere 2 o 3 punte o un trequartista, ecco gli acquisti saranno fatti in funzione dei moduli e delle idee del nuovo Mister.

***

Andrea Pirlo è stato scelto da Agnelli, su questo non ci piove.
Decisione coraggiosa ma anche sfida avvincente che se darà i frutti sperati potrebbe essere forse la visione più azzeccata tra le tante avute dal presidente.
Cosa ne pensi?

Concordo, dopo 9 scudetti consecutivi e un ciclo concluso, la Juventus aveva bisogno di aria fresca e una progettazione nuova. Pirlo é scelta rischiosa ma tremendamente affascinante che crea entusiasmo nei tifosi e nell’area sportiva , la garanzia è quella del presidente Andrea Agnelli, che quando si muove in prima persona, raramente sbaglia. È un’ intuizione fiammeggiante, affidare a un neo allenatore la Juventus smuove critiche ma rappresenta un’occasione clamorosa nel solco di un uomo juventino. Come fece Boniperti con il Trap, Agnelli ci prova con Pirlo. Il rischio vale la candela, e sinceramente la scelta mi piace, con tutti i rischi annessi e connessi, una decisione tale la Juventus oggi, se la può permettere, a patto di mettere a disposizione dell’allenatore, una rosa nuova, di qualità, con un calibrato mix tra giovani e giocatori esperti, per mantenere alto lo status di competitività, in Italia e in Europa.

Franco Leonetti

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...