Senza categoria

#SpazioLiga: Giornata 28

Ritorna la Liga con la ventottesima giornata. In testa cambia poco con la due big che hanno la meglio su Mallorca ed Eibar, in zona Champions preziosa vittoria del Siviglia nel Derbi, mentre frenano Getafe e Valencia, senza che la Real Sociedad ne approfitti fino in fondo. In zona retrocessione il Valladolid mette in saccoccia tre punti preziosi, mentre tutte le dirette concorrenti perdono terreno. Attenzione all’Espanyol che rientra nei giochi grazie ad una vittoria molto pesante.

Siviglia vs Betis 2-0 (Ocampos (R) 56, Fernando 62)

El Gran Derbi è la partita che riapre la Liga dopo lo stop causato dall’emergenza sanitaria Covid 19. I padroni di casa vogliono consolidare le ambizioni da Champions, mentre i biancoverdi di Rubi vogliono mettere ulteriore distanza dalle posizioni pericolose in fondo alla classifica e riscattare una stagione poco felice finora.

La partita è quasi un monologo dei padroni di casa. Ocampos è in gran giornata, colpisce un incrocio dei pali nel primo tempo e nella seconda frazione rompe lo 0-0 grazie a un rigore concesso per una spinta di Marc Batra in area su De Jong.

Il raddoppio dei ragazzi di Lopetegui arriva pochi minuti più tardi. Segna Fernando, ma anche qui gran parte del merito va a Ocampos che con un’intelligente colpo di tacco confeziona un’assist perfetto.

Gara mia in discussione, delude ancora una volta il Betis insufficiente nella costruzione e mai pericoloso.

Granada vs Getafe 2-1 (70,79 Carlos Fernández – 20 Timor)

Match fra due compagini che hanno saputo stupire ed andare oltre le previsioni di inizio anno.

A sorpresa, ma meritatamente il Granada si porta a casa i tre punti confermando che il Nuevo Los Carmenes resta una campo tosto.

A passare in vantaggio sono però i ragazzi del “El Romano” Bordalás grazie alla rete di David Timor imbeccato dal sempre positivo Cuccurella.

Bastano però 9 minuti a Carlos Fernández, trequartista in prestito dal Siviglia, per realizzare una doppietta con una discreta dose di fortuna e concretizzare la superiorità territoriale dei padroni di casa. Il forcing finale del Getafe non ottiene risultati e allontana i sogni di Champions in attesa delle gare delle dirette avversarie.

Valencia vs Levante 1-1 (Rodrigo 89 – Melero 90+8)

Dopo quello andaluso ci siamo gustati anche il Derbi valenciano fra murciélagos e granotas. Partita non entusiasmante, con le squadre contratte. Nel primo tempo una traversa di Soler fa tremare gli ospiti.

L’espulsione al 74 di Roger per somma di ammonizioni sembra mettere le cose in discesa per Parejo e compagni, che trovano la rete al minuto 89 grazie a una bella azione sull’asse Gayà-Rodrigo.

Tutti fa presagire una vittoria di misura per los murciélagos però i padroni di casa pagano cara una ingenuità colossale di Diakhatè che provoca un evitabile rigore trattenendo Vezo su un cross piuttosto innocuo, proprio a pochi passi dal direttore di gara che non può esimersi dal concedere la massima punizione.

Melero dal dischetto spiazza Cillessen e finisce col pareggio.

Espanyol vs Alavés 2-0 (Bernardo 45+3, Wu Lei 47)

La grande delusione della stagione ospita gli Albiazules di Vitoria e batte un colpo interessante in ottica lotta salvezza. Partita dominata da los pericos che restano in superiorità numerica per l’espulsione tragicomica di Pacheco, anche se è proprio il secondo portiere Roberto Jimenez ad evitare un passivo maggiore con una gran prestazione.

Le reti arrivano a cavallo dell’intervallo, prima con un bel colpo di testa di Bernardo e poi con una incursione di Wu Lei che elude il fuorigioco su un bel filtrante di Embarba, due assist per lui oggi, e fredda il portiere.

La vittoria dei padroni di casa li riavvicina al gruppo salvezza che ora dista solo tre punti.

Celta Vigo vs Villarreal 0-1 (Trigueros 90+1)

I galiziani cercavano i punti per salvarsi, mentre il sottomarino giallo volevano provare ad agguantare il treno europeo. In pieno recupero però arriva la doccia gelata per i galiziani con la rete di Trigueros che avvicina pericolosamente Iago Aspas e compagni alla zona retrocessione.

Ad onor del vero tutto il match si è rivelato un monologo amarillo, con Murillo ed il portiere Rubén Blanco costretti agli straordinari per mantenere la porta inviolata. Il forcing finale regala i tre punti al sottomarino giallo grazie sopratutto alla qualità di nuovi entrati, fattore importante in questa Liga post Covid19. L’impatto di Chukweze, Bacca e Trigueros è risultato decisivo per portare a casa i tre punti tornando ad accarezzare i sogni europei.

Leganes vs Valladolid 1-2 (O. Rodriguez 84 – E. Unal 2, R. Alcaraz 54)

I pepineros che cercano punti salvezza contro la compagine del presidente Ronaldo, anch’essi bisognosi di punti pesanti per conquistarsi la permanenza in Liga.

Un grave errore di comunicazione permette a Enes Unal di mettere in rete a causa di un errato retropassaggio di Awaziem a Cuéllar.

Il Leganes è offensivamente molto povero e non riesce a rendersi pericoloso, anzi è il Valladolid a trovare il raddoppio con un gran tiro di Rubén Alcaraz. I biancomalva avrebbero pure una ghiotta occasione per andare sullo 0-3, ma Sergi Guardiola spreca.

Accorciano le distanze i Pepineros grazie a un rigore causato da Salisu, centrale ghanese segnalato nelle mire della Juventus, trasformato da Rodríguez. I padroni di casa però non hanno la qualità per arrivare al pareggio e il Valladolid mette fieno in cascina importantissimo in ottica salvezza.

Mallorca vs Barcellona 0-4 ( A.Vidal 2, M.Braithwaite 19, J.Alba 79, L.Messi 90+3)

Testa coda alle Baleari. I catalani cercano di continuare la marcia verso il titolo, mentre gli isolani hanno bisogno di punti pesanti per uscire dalle zone bollenti della classifica.

La partita è un monologo catalano.

La apre Vidal con un bel colpo di testa al secondo minuto e il Mallorca non sembra neanche volerci provare, mancando anche il calore dei tifosi a trascinarli.

Il raddoppio di Martin Braithwaite chiude definitivamente la gara già al minuto 19.

Arriveranno poi le reti di Jordi Alba e di Leo Messi a sigillare il risultato finale.

Per i rossi di Vicente Moreno i più positivi sono il vecchio Salva Sevilla e il giapponese Kubo.

Athletic Bilbao vs Atletico Madrid 1-1 (I.Munian 37 – D.Costa 39)

Sfida classica della Liga fra due squadre che finora hanno leggermente deluso le aspettative iniziali. I baschi ormai puntano ad entrare in Europe League grazie alla Copa del Rey, mentre i colchoneros stanno puntando il quarto posto per un posto champions.

La gara è vivace con Oblak e Unai Simón ben sollecitati.

Il vantaggio dei baschi arriva grazie a Iñaki Munian abile a Angolare un cross del terzino sinistro Berchiche, buona gara per lui.

La reazione immediata dei ragazzi del Cholo Simeone porta all’immediato pareggio di Diego Costa, abile a sfruttare un errore di copertura di Yeray.

Le due compagini si dividono la posta in palio, anche se il pareggio non accontenta nessuno.

Real Madrid vs Eibar 3-1 (T.Kroos 4, S.Ramos 30, Marcelo 37 – Bigas 60)

Ennesima reinterpretazione del biblico Davide contro Golia, fra i blancos è il piccolo Eibar ci sono quasi trenta punti, il Real inizia la gara con grande autorità e trova subito il primo centro con un tiro chirurgico di Toni Kroos.

Alla mezz’ora un buon Eden Hazard serve su un piatto d’argento la palla del raddoppio a Sergio Ramos a porta sguarnita e qualche minuto dopo i blancos vanno sul 3-0 grazie a un tiro da fuori di Marcelo.

Nel secondo tempo però la partita cambia, il Real si spegne e lascia spazio all’Eibar che attacca con foga. I ragazzi di Mendilibar trovano una traversa clamorosa con Enrich e poi con un po’ di fortuna Bigas devia in rete un tiro di Blasis.

Nonostante lo sforzo offensivi gli ospiti non riescono ad ottenere nulla più che il gol della bandiera.

Real Sociedad vs Osasuna 1-1 (M.Oyarzabal 61 – Adrián (R) 29)

Sfida di discreto interesse all’Arena Reale dove i padroni di casa tentano di mettere al sicuro il quarto posto attuale. I ragazzi di Jagoba Arrásate però non sono certo vittime sacrificali e lo dimostra il buon campionato disputato finora dalla squadra di Pamplona.

In effetti nel primo tempo i padroni di casa vengono messi in grossa difficoltà dalla pressione dei navarros che non lasciano esprimere minimamente il potenziale offensivo della Real Sociedad e anzi si rendono pericolosi diverse volte, fino ad ottenere un rigore per un fallo di mano di Le Normánd. Dal dischetto Adrián non sbaglia mettendo a segno la prima rete con la maglia dei rojizos.

Nella ripresa la pressione dell’Osasuna di allenta un poco e la qualità degli avanti bianco blu inizia a venire fuori, esaltando il rientrante Rubén fra i pali degli ospiti.

Il pareggio arriva intorno all’ora di gioco grazie a una progressione di Willian José abile a mangiarsi trenta metri palla al piede e a servire Mikel Oyarzabal che la piazza in rete.

In realtà dopo la rete del pareggio gli ospiti cercano il secondo gol e ci vanno pure vicino grazie a un colpo di tacco volante di Brasanac che esce di qualche centimetro.

Il pareggio forse va un po’ stretto agli ospiti, bravi ad imbrigliare una compagine tecnicamente superiore.

Stefano Follador

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...