#RawDiamonds

#rawdiamonds: Kaio Jorge

Kaio Jorge è il futuro.

Figlio d’arte, stella di YouTube da prima di finire le elementari grazie al padre “manager”, bimbo prodigio con caterve di gol segnate durante tutte le giovanili, con un percorso sportivo attentamente programmato per arrivare in alto, forse altissimo, tanto da attirare occhi più che indiscreti da tanti club europei, Juventus su tutti.

Biografia

Kaio Jorge Pinto Ramos nasce il 24 gennaio 2002 nei pressi di Recife, nello stato del Pernambuco, nel nord est del Brasile. Figlio di un ex calciatore, Jorge Ramos, inizia da giovanissimo a raccogliere una certa notorietà grazie al canale YouTube curato dal padre, che utilizza i video in rete come vetrina e come ammonimenti per i prossimi avversari del ragazzo.

I primi calci di Kaio sono con il Nautico, club più modesto di Recife, ma ben presto le ambizioni iniziano a crescere e sia il giovane che la famiglia puntano a un club più prestigioso. Una veloce sosta allo Sport Club de Recife e poi rotta verso il sud-est del paese, dove i club più prestigiosi del Brasile fanno la corte alla punta pernambucana.

Alla fine sarà il Santos a spuntarla su tutti.

L’investimento si rivelerà subito proficuo, infatti in breve tempo Kaio Jorge si impone come goleador delle giovanili pur scendendo in campo sistematicamente con ragazzini più vecchi di lui. A soli 11 anni viene messo sotto contratto con la Puma che ne intuisce il talento e il potenziale.

I risultati giovanili sono eccellenti tanto che arrivano le convocazioni nelle varie nazionali giovanili, dalla U15 in avanti, con tante soddisfazioni, fra le quali quelle di sfiorare il record di precocità di marcatura con la maglia del Peixe, appartenente a Neymar, con una rete siglata a soli 15 anni, 11 mesi e 12 giorni, quattro in più dell’attuale attaccante del PSG.

Dal 2018 viene aggregato in pianta stabile alla prima squadra, con un utilizzo crescente e buoni risultati, compresa una rete in Copa Libertadores contro il Defensa y Justicia, che valse la vittoria sui gialloverdi argentini.

Caratteristiche tecniche

Kaio Jorge viene segnalato come punta centrale mobile, ma in realtà è un giocatore molto più adattabile, potendo giocare sia da seconda punta che sporadicamente sull’esterno.

Fisicamente, nonostante la giovane età, è già robusto e sviluppato. Ci sono diverse versioni sulla sua altezza ufficiale che varia da 176 cm fino ai 184. Ad ogni modo ha la stazza tale per resistere molto bene ai contrasti, ma mantenendo una buona dinamicità.

Tecnicamente parliamo di un calciatore dalle attitudini tipicamente brasiliane.

Grande sensibilità di tocco, conduzione della palla eccellente e ottima tecnica di base, anche se il piede sinistro resta ancora un punto debole fastidioso.

Buona capacità di calcio, potente e preciso, sia da fermo che durante l’azione.

Tatticamente, anche grazie alla formazione futsal, ama giocare di sponda e coinvolgere i compagni, ma spesso la capacità decisionale non è eccellente, con scelte poco oculate nella gestione del pallone o strappi palla al piede che in caso positivo garantiscono un calcio piazzato (subisce infatti molti falli) o un avanzamento del baricentro della squadra, ma che a volte si traducono in sanguinose palle perse. Sta migliorando la capacità di chiamare la profondità e di giocare sul filo del fuorigioco, non si tratta di un’attitudine naturale, ma frutto del lavoro in allenamento.

Da migliorare sicuramente anche la capacità di gioco aereo, sebbene la stazza e la fisicità siano buone Kaio quasi non partecipa ai duelli sulle palle alte. Di contro possiede una buonissima capacità di protezione della palla e di conduzione sullo stretto, una discreta propensione al dribbling, anche se fatta più di potenza muscolare che di raffinatezze tecniche.

In conclusione Kaio Jorge, nonostante sia ancora molto acerbo, mostra le caratteristiche di base di un 9 moderno. La direzione tecnica pare essere quella di un centravanti mobile come Agüero, Werner o più semplicemente quella del calcio moderno che vuole un centravanti sempre più in grado di fare un po’ di tutto, dal regista offensivo fino al primo difensore.

Evoluzione

Negli ultimi anni il settore giovanile del Santos ha sfornato con una certa costanza giocatori di alto profilo. Teenager terribili che prima della maggiore età stavano già facendo impazzire le difese; basti pensare a Neymar o a Rodrygo, nuova stellina del Real Madrid che si è preso un posto nella rosa dei blancos.

Però per un Neymar che domina il calcio europeo appena sceso dall’aereo esiste anche un Gabigol che fa una gran fatica e che sceglie il ritorno in patria, nonostante il corposo investimento fatto per acquistarlo.

Kaio Jorge ad oggi ha pochissima esperienza nel calcio professionistico. Ha fatto intravedere un potenziale più che interessante, ma io sono convinto che qualsiasi decisione ora potrebbe essere prematura.

Nonostante il ragazzo sia stato “programmato” sin da giovanissimo per diventare un calciatore, dimostrando anche una discreta professionalità negli anni, ci sono ancora troppe incognite sulla possibile evoluzione del ragazzo.

L’ottimismo spinge a guardare ad una crescita alla Agüero, 9 moderno con grandi capacità di dialogo che col passare del tempo ha affinato anche la capacità di pensiero.

Personalmente credo sia davvero troppo presto per poter avere un’idea su dove la crescita del ragazzo di Recife possa andare, 15 presenze fra i grandi sono davvero un campione esiguo sul quale farsi un’idea, tuttavia non si può negare che a Kaio manchino i mezzi fisici e tecnici per arrivare in alto, oltretutto coadiuvati da una guida paterna già avvezza al calcio professionistico e ad un agente di livello internazionale, cosa che spesso aiuta moltissimo (basti pensare ad esempio a David Luiz e a Richarlison).

Vestito in bianconero

In bianconero Kaio Jorge c’è già da qualche anno, vista la divisa del club di Villa Belmiro, ma se proviamo ad immaginarlo nel bianconero torinese in un ipotetico fit cosa ne salta fuori?

Senza dubbio si tratterebbe di un’acquisto oneroso. Si parla di un offerta da 18 milioni già rispedita al mittente, considerando la clausola rescissoria posta a 75 milioni di euro, siamo sicuri che il costo del ragazzo non scenderà sotto i trenta milioni. Un prezzo decisamente elevato per un diciottenne che vanta pochissima esperienza fra i grandi.

Economicamente parlando saremmo di fronte ad un investimento ad alto rischio ma possibile alta resa visto che, per acquistare un talento cristallino che può fare le fortune di un club per lustri, difficilmente si scende da quelle valutazioni.

Che la Juventus debba cercare di svecchiare la rosa puntellando centrocampo e reparto avanzato credo sia evidente e noto. Ogni acquisto dovrà essere azzeccato per poter superare questa fase di transizione.

Tecnicamente parlando Kaio Jorge potrebbe rappresentare un buon complemento sia per Dybala che per Cristiano Ronaldo. I suoi piedi parlano la stessa lingua del 7 e del 10, sa giocare bene di sponda, brama l’area, ma sa anche defilarsi per lasciare spazio ai compagni e pare abbastanza sveglio da saper imparare a mettersi a disposizione.

Di contro oltre alla mancanza di esperienza, possiamo annoverare una poca propensione al ripiegamento ordinato, scarsa capacità sulle palle alte e una capacità decisionale migliorabile.

In conclusione, nonostante le qualità di Kaio Jorge siano riconosciute da tempo, credo sia una scommessa troppo pericolosa in questo momento storico, dove preferirei vedere un nuovo centravanti più solido ed avvezzo al calcio europeo.

Stefano Follador

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...