Voli Pindarici

La fame di chi ha vinto tutto

Non stiamo parlando solo di uno dei giocatori più forti al Mondo.
Non stiamo analizzando soltanto le vittorie, i traguardi, i record incredibili di un calciatore che ha vinto tutto.
Stiamo osservando un ragazzo che ha mangiato così tanto, da dover avere lo stomaco più che pieno ed invece ha più fame di tutti.
Vuole vincere sempre, vuole fare sempre gol, vuole alzare al cielo ancora molti altri trofei.
Insomma, anno nuovo stesse motivazioni.
E non sto citando nessun altro, se non le sue stesse parole.

Ad inizio stagione è stato inondato da una pioggia di critiche da parte di tifosi e non, da un’attenzione mediatica ingombrante, negativa e con sentenze definitive alla mano, i numeri che non sembrano quelli a cui un essere extra umano come lui ci aveva abituati.

Sotto accusa per prestazioni e rendimento.
Messo sotto da diverse offese, inviperito senz’altro, dall’ennesimo pallone d’oro concesso a Messi.
Lui, stella assoluta, campione indiscutibile, unico calciatore ad andare in doppia cifra in ogni singola stagione negli ultimi quindici anni.

È come se da tutto ciò avesse tratto linfa vitale, perché è di questo che lui ha fame, di questo si nutre.
Quasi sempre, quando si tratta di Cristiano Ronaldo sono i dettratori a finire nei guai, a farne seriamente le spese.
Ha preso un elastico e racchiuso tutto in questo suo nuovo look.
E per l’ennesima volta, ci ha sorpresi, stupiti, come, onestamente, non credevo neanche si potesse umanamente fare.

Attraverso una forma fisica e mentale perfetta, ha realizzato numeri da capogiro.
Sarri lo definisce “Un animale che si nutre di Gol” e ci invita a ringraziare la mamma per cotanta meraviglia che abbiamo l’onore di osservare.
Quello di ieri, il suo primo gol in Coppa Italia, è il settimo gol nelle prime 4 partite ufficiali del 2020, undicesimo nelle ultime 7 gare.
Nessuno in Europa ha fatto meglio di lui.
Da quando indossa la maglia bianconera ha realizzato QUARANTASETTE reti.
In un anno e mezzo è già al 32° posto dei marcatori della Juve di tutti i tempi.
Uno che ha cambiato parecchi campionati ed ha macinato gol nella stessa identica maniera.
Anche in un Campionato difficile, come la Serie A.
Che dire, non male per uno che non dribbla un uomo da 2 anni. (Cit)

Lui, che il 5 febbraio spegnerà la bellezza di 35 candeline, che non andranno certamente a scalfire le sue doti e le sue possibilità.
Anche perché bollito e vecchio è solo il fegato dei tifosi avversari.

Mese, quello di febbraio, che profuma di Champions League ed è lì che abbiamo bisogno ancora di più della sua fame, quella da Cannibale.
Insomma un meglio che deve ancora arrivare.

In definitiva, beato chi ce l’ha uno così.
E lo so, si fatica ancora a crederlo reale, ma quei fortunati pensate… siamo proprio noi.

Un giorno racconteremo ai nostri nipoti di aver visto giocare un calciatore finito, ooops scusatemi, volevo dire INFINITO.

E potremo vantarci di cotanta bellezza nella nostra straordinaria storia.

Cinzia Perruccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...