Voli Pindarici

Federico Bernardeschi: un rompicapo da risolvere

“La sensazione è che in questo ruolo posso fare bene, è la prima volta che ci gioca, ma può fare veramente bene.
Ha qualità tecniche e fisiche, l’inizio è promettente come l’entusiasmo che ha nel provare.
Le combinazioni in velocità mi piacciono molto, in questa squadra abbiamo grandi qualità tecniche.”

Queste le parole di Maurizio Sarri, nel post partita contro l’Udinese negli ottavi di Coppa Italia.
Ci siamo chiesti spesso cosa avremmo dovuto aspettarci da Federico Bernardeschi, quante speranze avessimo dovuto impiegare e probabilmente ancora siamo in questo stato di dubbio, un giocatore che si è spento, eclissato, alla continua ricerca della consacrazione.

Forse credevamo potesse avere una crescita costante, che potesse diventare per la Juve un punto di riferimento.
Ed era sicuramente questo l’entusiasmo dei tifosi, quando nell’estate del 2017 Bernardeschi è stato accolto con smisurato affetto, c’era addirittura chi invocava per lui quella tanto agognata maglia numero 10.

Già nella gestione Allegri, quest’ultimo, faticava a trovargli uno spazio certo, un posto in cui potesse dare il meglio di se, una collocazione tattica.
Difatti, non è mai arrivata per lui una posizione da titolare irremovibile.
Stagioni a singhiozzo, dove il suo apporto era certamente ad intermittenza e mai imprescindibile.

Inizio di stagione, questo poi, che ha fatto storcere il naso a molti.
Questo rompicapo, sempre più difficile da risolvere è finito tra le mani di Maurizio Sarri che, sta cercando una soluzione, una via d’uscita, per risolvere questo enigma complicato, provando anche ad abbassare il suo raggio d’azione per trasformarlo in mezzala.

Ed ecco che, sembra giungere uno spiraglio di luce.
Un esperimento provato dal Mister, quello di schierare Bernardeschi interno destro in un centrocampo a tre con Bentancur e Rabiot.
Posizione che ha convinto, portando sicuramente ad una maggior qualità delle giocate ed una precisione nettamente superiore.
Posizione che Federico ha mantenuto con grande diligenza, rispettando le direttive di Sarri, con poche variazioni.
E’ stato lucido e di aiuto anche nel muoversi a seconda delle diverse posizioni prese dai due attaccanti.
Un posto che potrebbe portare più rendimento e magari minutaggio.
Una mossa coraggiosa quella del Mister, ma spesso dalle necessità si raggiungono grandi virtù.

Adesso bisognerà lavorare al meglio, spinti da questa nuova strada ritrovata.
Che, come Federico ci ha un pò abituati, non è sicuramente un punto di arrivo, ma piuttosto un punto di partenza.
Ed è ancora decisamente presto per impiegarci delle speranze.
Sicuramente, ha finalmente convinto, e zittito quindi per un pò critiche e sacrosante incertezze.
Critiche che, bisogna ammettere, Bernardeschi sembra aver subito in silenzio, passivamente, con grande senso del sacrificio e del rispetto.
Atteggiamento che non guasta mai, ma che può solo aiutarlo al raggiungimento di una tanto agognata consacrazione.
Anche perchè, se l’enigma rimanesse incompleto il finale buio è abbastanza scontato.
Soprattutto in una squadra come la Juventus, dove tra concorrenza e ricerca dei risultati non si fanno sconti, neanche in periodo di Saldi e nessuno può dirsi mai al sicuro.

E voi? Cosa vi aspettate da Bernardeschi?
Siete come Sarri, positivi e pronti a scandagliare qualsiasi possibilità per risolvere l’enigma?
Oppure, vi siete stancati e non avete voglia di aspettare e di sperimentare oltre?

Cinzia Perruccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...