I tre ruggiti del Leone

I 3 RUGGITI DEL LEONE – Risponde Franco Leonetti

La Juventus decide di adottare una linea morbida con l’alieno di Madeira.
Giusto o sbagliato?

La Juventus ha un regolamento interno e da quello non si deroga. Non è una linea morbida ma la linea intrapresa: solo chi viola alcuni codici va incontro ad una multa. Accadde lo stesso il 29 gennaio del 2017, in un Sassuolo-Juve, quando Dybala uscì dal campo contrariato e non salutò Mister Allegri. La società non lo multò. La cosiddetta punizione per Ronaldo sarà chiedere scusa a staff e compagni di squadra, guardandoli negli occhi, al suo ritorno a Torino. Mi risulta che le cose siano già state appianate la mattina dopo Juve-Milan, prossima settimana ci sarà solo il faccia a faccia con la squadra dopo gli impegni con le nazionali. Diciamo che il “caso Ronaldo” è stato montato ad arte dall’opinione pubblica, ma questa non è una novità purtroppo: un refolo di vento diventa un ciclone se si tratta di casa Juve. La società ha dimostrato in questi anni di saper gestire perfettamente questo stato di cose, il gruppo è sano, affiatato e va alla ricerca di vittorie, tutto il resto è materia di discussioni da parte di tifosi e dispensatori di notizie. A qualcuno piacerebbe una rottura tra il fuoriclasse lusitano e la Juve, ma nulla di tutto ciò accadrà.

***

Dalle dichiarazioni di Paratici, nel prepartita di Juve-Milan, siamo in dirittura d’arrivo per il rinnovo del contratto di Cuadrado.
È diventato insostituibile sull’out destro.
Che valore possiamo dare al Mister ed al suo staff nella evoluzione del colombiano?

Il rinnovo di Cuadrado sarà ufficiale a breve, una mossa contrattuale che il colombiano stramerita per quanto fatto in questi anni di Juve e in questa prima frazione di stagione. Anche i dati lo incoronano, da esterno basso è colui che effettua più contrasti (23, ben 4 in più di un combattente tradizionale come Blaise Matuidi) , ma i nuovi compiti non gli impediscono di risultare il giocatore che crea più occasioni, precedendo Cristiano Ronaldo (20 a 19). Il suo rendimento è stato altissimo e in qualsiasi zona del campo venga impiegato, risulta sempre devastante per gli avversari, senza dimenticare che il ragazzo, per tornare alla Juve, fece una vera e propria guerra al Chelsea, all’epoca proprietaria del suo cartellino. E’ un giocatore fantastico, che sa adattarsi a qualsiasi compito, Sarri, in estate, lo ha voluto impostare da terzino destro, ruolo che aveva già fatto a Lecce e in qualche occasione a Firenze, e le prove disputate sono eclatanti, perchè anche con l’aiuto di Barzagli nello staff, il colombiano ha ampiamente migliorato anche la fase difensiva. E quando viene impiegato da esterno alto, come nell’esordio di Champions a Madrid, ha fatto cose luccicanti. Ad averne di interpreti come lui, un vero valore aggiunto per le maglie bianconere..

***

Tra la sosta nazionali e gennaio che si avvicina è già tempo di mercato, che ritocchi faresti tu in entrata e in uscita per perfezionare ancora di più la rosa?
Si parla molto per il futuro di Haaland, il prolifico attaccante del Salisburgo che sta stupendo tutti a suon di gol in ogni competizione e che Paratici aveva già fermato ricevendo però un due di picche dal norvegese in quanto preferiva giocare piuttosto che fare panchina.
Sembta che la Juve sia pronta a tornare di nuovo alla carica nonostante ora l’investimento sia decisamente più onoroso: ti piace come profilo? Pensi sia veramente un crack oppure è presto per dirlo e potrebbe trattarsi di un fuoco di paglia e di un momento molto fortunato per il calciatore?

La Juve, per antonomasia, a gennaio fa poco o nulla. In questo mercato di gennaio penso che possa partire Mandzukic, ormai fuori rosa da tempo, mentre bisogna tenere d’occhio Emre Can, che sta giocando pochissimo per via delle scelte dell’allenatore. Io Can me lo terrei tutta la vita, ma questa situazione va monitorata. Haaland ha 19 anni, in passato è stato vicinissimo alla Juve, venne due volte a Torino a visitare le strutture sportive e vide un match dei bianconeri. Poi scelse di andare altrove. E’ un profilo che Paratici segue da tanto tempo, ora lo hanno scoperto tutti. Ha 19 anni, è giovanissimo,, una valutazione folle di 100 milioni, un investimento pesantissimo, ma il valore del ragazzo è indubbio. Bisognerà poi vedere quali saranno gli sviluppi di carriera del norvegese, se manterrà tutto ciò che sta mostrando in termini di realizzazioni e crescita nel Salisburgo. Haaland piace ed è un profilo che la Juve vorrebbe, vedremo come si evolveranno le vicende, ma se ne parlerà eventualmente per il mercato estivo.

***

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...