Nero Su BIanco

#SARRI-IN

Caro Maurizio,

intanto ben arrivato.

È stato un periodo difficile ma tu non ti sei ‘distratto’ più di tanto e ti sei aggiudicato il primo strameritato trofeo europeo guidando un Chelsea non troppo motivato, guidandolo decisamente in modo saggio.

Ne abbiamo visti di allenatori forti arrivati (nel tuo caso anche un po’ tardino) alla ribalta, merito tuo e di chi (il “perfido attore” AdL) ha avuto il coraggio e le capacità di scegliere un tale fuoriclasse.

Abbiamo visto peró tanti dei cosiddetti “Maestri”, i filosofi del ‘bel giuoco’, del ‘forsennato possesso palla’, del più recente ‘tiki taka’ fallire miseramente (o comunque impiegare secoli) nel tentare di riprodurre le stesse condizioni fuori dal contesto di emersione, fuori dal contesto amico.

Non parlo ovviamente delle patetiche caricature alla Orrico, alla Zeman o alla Maifredi, ma di gente realmente di valore come Arrigo Sacchi e Pep Guardiola che oggettivamente, nonostante organici sempre faraonici, dopo l’esperienza generatrice han collezionato più débâcle che trofei (non in generale certo, ma sicuramente rispetto alle attese e alle ambizioni).

Questo perché gli ‘oltranzismi’ non pagano mai, paga sempre invece (con un buon organico di base è ovvio) l’intelligenza, l’equilibrio, la preparazione, l’allenamento, la costruzione di una squadra ed un gioco senza poter mai prescindere dal materiale umano a disposizione. Non a caso i due ‘mostri sacri’ citati han vissuto momenti psicologicamente assai difficili, convinti com’erano di essere degli Dei a prescindere dal resto del mondo.

Tu invece hai preso un buon Napoli ed hai avuto la capacità di esaltare le doti di calciatori non proprio da Pallone d’Oro, facendo rendere al massimo i singoli e la squadra (Higuain, Mertens, Callejon, Hamsik, Allan, Koulibaly) davvero come un meccanismo perfetto, davvero col piacere di guardarti … riuscendo due stagioni or sono persino ad agguantare la Juve, una Juve decisamente più forte del tuo Napoli.

Ecco, se possiamo darti un consiglio caro Mister, esterna un po’ meno, soprattutto a caldo 😏.

Tu sei un tipico ‘toscanaccio verbalmente incontinente’ che, sovreccitato anche dal favoloso “clima” partenopeo, è spesso andato sopra le righe adducendo anche motivazioni che hanno oltrepassato il ridicolo, figlie sicuramente anche del condizionamento “delaurentiano” e fiabesco cosí incline al ‘piccio’ ed alla scusa sempre pronta. Non metterti in giacca e cravatta per forza, è già pieno il mondo di ridicoli pinguini pronti a nascondere il loro nulla dietro a delle sciocche quanto inutili convenzioni, osa !! Osa si, ma comincia a porti qualche limite, in particolare se, sempre grazie alla ‘toscanità intrinseca’, rischi di fare qualche orribile quanto stupida battuta a carattere omofobo o sessista, quello proprio NO.

Allena prepotentemente invece, prendi questa squadra e falla crescere ancor di più. È la tua occasione, a parte i nuovi acquisti che speriamo siano di altissimo livello, allenare Chiellini, Dybala e Cristiano Ronaldo non è cosa che capita tutti i giorni, devi approfittarne e noi saremo pronti a gioirne e ringraziarti per sempre nel nostro stile, nel solco della nostra storia.

Ah, e non preoccuparti perché in questo momento storico non vedi riconoscenza da chi l’hai giustamente avuta e te ne aspettavi ancora, va sempre cosí, tutti “traditori” quando fa comodo, tutti “eroi” quando invece devi accogliere qualche … traditore altrui.

Succede persino da noi, nessun tifoso è uguale all’altro, siamo tutti diversi, ma spesso prigionieri dei nostri mostri. Pensa che da noi si sta passando dall’ #Allegrivattene al #Contetraditore, all’anticipatorio #SarriOUT … da ridere veramente. Non sono solo juventini (o napoletani, o romanisti o milanisti) che sbagliano, si tratta di situazioni in cui ogni persona usa il calcio per sfogare le proprie frustrazioni, ci puó stare per carità, ma è bene costruire differenze virtuose, generare tendenze positive, e per primi proprio da parte degli addetti ai lavori!

Se domani vedrai qualche ‘svenimento’ di Mertens in area, qualche rigorone non fischiato a Skriniar, qualche ammonizione risparmiata a Koulibaly… ah no, Kalidou lo porti con te giusto ?!?! Ecco, comunque tu non fare ‘ammuina’ come hai fatto in passato, qui non serve, non saresti neppure compreso. Noi abbiamo vinto davvero poco a causa di errori arbitrali e perso invece, come tu ben sai, tantissimo. Ma questa è la nostra vera filosofia, niente trappole per tifosi sciocchi. Siamo la squadra che ha vinto di più ma al tempo stesso quella che è più volte arrivata seconda. Siamo persino andati in B per non rischiare di affermare quell’onesto ed indiscutibile strapotere che poi è stato solo rimandato, rallentato di qualche anno. Siamo andati in B, imparalo e non scordarlo mai, grazie ad una truffa che ha “premiato” per un po’ proprio i disonesti quanto incapaci creatori di quella truffa. Ma il tempo, in pochi istanti, li ha di nuovo fatti sparire … sepolcri imbiancati.

Sei ora in una Squadra che ha vinto più scudetti (reali) della somma delle sue due uniche avversarie storiche messe insieme, che viene da otto strameritati campionati consecutivi, che ha vinto tanto ed è sempre presente in Europa ma non abbastanza, davvero poco per quanto valore ha portato, colpa soprattutto proprio della mentalità. Èd è su questo che vogliamo metterti alla prova, hai dimostrato qualche settimana fa di essere pronto… tu si e noi no. Noi che abbiamo invece vissuto una piccola regressione, tu invece l’hai dimostrato (attenzione) piegando anche il tuo gioco alle esigenze del campo, dell’avversario, di una pericolosissima ‘finale secca’, non rinnegando il tuo gioco, ma certamente spazzando via il tuo ‘oltranzismo’, come quest’anno han fatto anche Klopp e Pochettino (gli altri due finalisti, ma in UCL), come han fatto Ten Hag e Guardiola, loro si rinnegando il loro gioco, eppure son stati sonoramente sconfitti anzitempo.

È tutto qui il segreto, trovare sempre lo spiraglio giusto, il giusto atteggiamento, la giusta soluzione. Il segreto sta nella semplicitá abbinata al coraggio, quel coraggio da Juventus che nove anni fa ha riportato Conte, che ha calvalcato e poi esaltato Allegri, il quale si è perso un po’ negli ultimi due anni nonostante l’atterraggio allo Stadium del ‘marziano’ CR7.

Cristiano Ronaldo si, proprio quel suo esplicito gesto alla fine di Juve-Ajax credo abbia tracciato il solco, segnato la fine di un’epoca, a te le chiavi ora per aprirne una nuova.

Buon lavoro Maurizio, noi saremo al tuo fianco.

Paolo Carraro.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...