Da un'altra angolazione

DA UN’ALTRA ANGOLAZIONE – Di Enrico Tordini

Grande partita di Pjanic, si legge un po’ dovunque. Io ho visto una squadra che correva, uomini che si smarcavano e dettavano il passaggio e Miralem, con i piedini che si ritrova, aveva vita facile a svolgere il suo lavoro. Molto più facile che in altre occasioni, quando i nostri parevano far concorrenza al gioco infantile delle belle statuine. Dipende dall’angolazione con la quale si osservano le cose, appunto.

Bella Juve ieri sera, dopo la partita deprimente contro l’Empoli la trasferta di Cagliari provocava qualche piccola apprensione, inutile negarlo, ma i ragazzi, perlomeno quelli rimasti, hanno risposto alla grande, Kean e Bonucci su tutti, ma soprattutto un Emre Can semplicemente mostruoso: il prototipo del centrocampista moderno, versatile, bravo sia in interdizione che in fase di impostazione. Su Leo mi pare inutile dilungarmi, lo conosciamo bene.

Moise merita un discorso a parte: ha portato rabbia e freschezza, si vede che è divorato dal sacro fuoco, ha saputo aspettare il suo momento ed adesso ne sta raccogliendo i frutti. Deve imparare a vivere da juventino, e ieri sera ha avuto un assaggio di ciò che lo aspetta: occhi puntati su di lui, pubblico sempre pronto a beccarlo e nessuna Paola Ferrari con lacrimuccia a rigarle la guanciotta plastificata che ne prenda le difese, di Koulibaly uno basta e avanza.

Ieri sera, rimanendo in argomento, abbiamo assistito al penoso show dei tifosi rossoblu, con i soliti ululati nei confronti di Kean e Matuidi. Hanno risparmiato Alex Sandro, forse perché la sua pigmentazione è lievemente più chiara. Pensavamo di aver toccato il fondo, ma non avevamo ancora ascoltato il presidente del Cagliari che tentava di minimizzare e giustificare l’accaduto, in fondo l’imitazione della scimmia la si può considerare una simpatica goliardata.


Lasciandoci alle spalle queste miserie, pensiamo al presente: c’è curiosità intorno al nuovo debutto di Icardi con la maglia nerazzurra, dopo la querelle Spallettiana. Da quel circo Barnum c’è da aspettarsi di tutto, anche che Maurito segni un gol e tutto torni come prima, in fondo da chi propose di scambiare Vucinic con Guarin e poi si rimangiò tutto c’è da aspettarsi questo ed altro. La cosa triste è che Milan e Roma stanno facendo il passo del gambero, quindi riusciranno a qualificarsi per la Champions, nonostante tutto.

Ora c’è da cercare di recuperare gli infortunati, prossimo turno il Milan, che pare alla canna del gas dopo un bimestre proficuo, e poi occhi puntati sulla Champions, ce la giochiamo con l’Ajax, un nome piuttosto ricorrente nei ricordi di chi, come me, non è più un ragazzino.

Enrico Tordini

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...