DomenicaNO.. il punto!

Perchè amo QUESTA Juve

Premessa fondamentale: sono un tifoso. Mi piace scrivere, argomentare, ma sono un tifoso.

Sono un tifoso e pure sfegatato, sportivo, arrabbiato quando serve, ma “malato” di questi colori e di questo magnifico sport.

Serate come quelle di ieri, 12 marzo 2019, mi fanno amare il mio essere tifoso, quanto odiarlo al tempo stesso:

ansia e paura di non farcela mi hanno perseguitato per tre settimane, fino a soffocarmi ieri sera, memore delle imprese sfiorate ma sfumate amaramente nel recente passato.

Ho avuto paura di non farcela, tifando, pregando, rimanendo in ginocchio ad ogni punizione (quelle poche) contro sulla nostra trequarti. Ho perso qualche anno di vita e qualche litro di sudore, ma alla fine ho gioito.

Ho imprecato e maledetto il mio essere tifoso, ma alla fine sono stato ripagato.

La Juventus la tifavo anche in serie B, anche negli anni dei settimi posti, negli anni della rinascita e in questi ultimi dove il tifo si è fatto sempre più esigente.

Chi mi legge e segue ciò che ho scritto e più volte ripetuto quest’anno sa già perchè amo QUESTA Juve:

ora che “la rimonta è stata compiuta,”

ora che “il Miracolo è stato fatto”,

ora che “CristianoRonaldo è il Re e Dio al tempo stesso”,

ora che “Allegri non è più un incompetente ma un Maestro di Calcio e ha imparato dai propri errori,”

ora che “Spinazzola è un fenomeno”,

ora che “Emre Can è un Mostro e non un brocco”,

ora che “finalmente Bernardeschi”,

ora che insomma, il tifoso medio si sta sbizzarrendo, non voglio qui rivendicare tutto ciò da me fin qui difeso nel corso di quest’anno “particolare”, bensì vorrei ribadire ancora una volta perchè amo follemente questa Juve.

La amo perchè è Squadra,

la amo perchè non perde quasi mai, giocando male o bene che sia,

la amo perchè quando perde si rialza e combatte FinoAllaFIne,

la amo perchè è capace di imprese incredibili e di partite imbarazzanti al tempo stesso,

la amo perchè mi ricorda tanto la mia vita, da tifoso; sa soffrire e aspettare il momento giusto per ribaltare il risultato, i pareri e gli umori, la storia.

La amo perchè, nel momento di esaltazione massima, al pari degli DEI, mi piace sottolineare fortemente che è UMANA, proprio come Noi. E da squadra Umana, che a volte gioca male, inciampa e cade, trova gli stimoli giusti per innalzarsi al limite del Disumano.

Sono io, o voi, che nella vita sbagliamo e pensiamo anche di non farcela, con le nostre ansie e paure.

E poi, quasi magicamente (ma nemmeno tanto) rialziamo la testa, affrontiamo la vita e la rimettiamo in sesto.

è un film, la migliore sceneggiatura drammatica che potremmo mai vedere:

“Dall’inferno al Paradiso”, il passo è “breve”.

Il finale è ancora da scrivere certo, ma una bella, fantastica, emozionante pagina è stata scritta.

E rimarrà indelebile nei nostri ricordi.

Ricordiamolo sempre:

Fino alla Fine non è un motto, ma uno stato d’animo

(Per Giovanni Agnelli, Presidente e Primo tifoso di ieri, oggi, domani)

di Nico Domenicano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...