Asso di Coppe, Senza categoria

Compattiamoci, spingiamoli verso l’impresa e in qualsiasi modo andrà a finire.. applaudiamoli !!

Il  9 marzo 2004  si gioca allo Stadio Delle Alpi di Torino la partita di ritorno degli ottavi di Champions League, Juventus –  Deportivo La Coruna, l’andata in Galizia terminò 1-0 per i biancoazzurri grazie ad un gol dell’estroso Luque.

Gli spagnoli nei primi anni del 2000 erano tra le squadre piu’ forti della penisola Iberica, nel 1999/2000 vinsero ,guidati dal tecnico Irureta, la Liga grazie ai gol di Roy Makaay e di  Pauleta ,supportati adeguatamente dalla fantasia di Djalminha e dalla fisicità ed esperienza del campione del Mondo Mauro Silva, per i 5 anni successivi si qualificarono sempre per la fase a gironi della Champions League, il Depor e il Valencia di Rafa Benitez riuscirono a spezzare il dominio del Barca e del Real vincendo tre campionati spagnoli in 4 anni tra il 2000 e il 2004.

La Juventus si presenta in campo con Di Vaio al posto dell’ariete David Trezeguet e dopo cinque minuti dal fischio d’inizio perde anche Del Piero (risentimento al polpaccio), i bianconeri sono costretti a tentare la rimonta con il tandem d’attacco Miccoli – Di Vaio, ma presto Pandiani spegne definitivamente ogni speranza bucando Buffon e firmando lo 0-1.

Nel secondo tempo nonostante lo sforzo degli zebrati il risultato non cambia, anche perché Di Vaio lanciato a rete viene fermato  per due volte in fuorigioco molto dubbio dal guardalinee.
Nonostante l’eliminazione  prematura dalla maggiore competizione europea e le zero speranze di vincere il tricolore (a Maggio sarà il MIlan di Ancelotti a festeggiare), la Sud chiama sotto la curva i propri beniamini per ringraziarli dei successi ottenuti durante il Lippi bis.
C’era una volta la juventinita’ e l’attaccamento alla squadra ed io, presente al Delle Alpi, mi ricorderò per sempre con orgoglio di questo giorno.

Il Depor dal canto suo prosegue il suo cammino in Europa e ai quarti si rende protagonista di una delle più belle rimonte della storia della Champions ribaltando il 4-1 subito a San Siro dal Milan.

All’Estadio Riazor il Milan di Carletto, detentore della Coppa con le grandi orecchie, si presenta con una bella dote ottenuta all’andata grazie alla doppietta di Kaka, a un gol di Sheva e al sigillo finale di Pirlo su punizione, dopo che  il solito Pandiani aveva illuso in apertura i Galiziani.

LA CORUNA, SPAIN – APRIL 7: Juan Valeron  esulta dopo il gol del provvisorio 2-0 nel match di ritorno dei quarti di finale di Champions League giocati contro il MIlan.

Il 7 aprile del 2004 El Rifle Walter Pandiani da la speranza ai biancoazzurri segnando il gol dell’ 1-0 dopo soli 5 minuti di gioco, poi ci pensano Valeron, Luque e Fran a scrivere la storia.

Il Deportivo approda per la prima e unica volta nella sua storia in una semifinale di Champions, ma è il Porto di Josè Mourinho, poi vincitore della competizione, a spezzare i sogni dei biancoazzurri vincendo 1-0 in Spagna, grazie a un rigore realizzato dall’attaccante Derley, dopo aver pareggiato a reti inviolate ad Oporto.


Martedì prossimo sarebbe opportuno essere  tutti dalla stessa parte, dimentichiamoci e lasciamo da parte le inutili  polemiche che ci hanno accompagnato in queste settimane e sosteniamo la squadra sino al triplice fischio dell’arbitro, poi mi piacerebbe vedere la squadra applaudita e ringraziata  da tutto il pubblico dell’Allianz Stadium, indipendentemente dall’esito finale.


Martedì il muro giallo del Westfalenstadion ha voluto ringraziare i suoi  beniamini nonostante le due sconfitte rimediate contro gli Spurs, Marco Reus e compagni sono stati a lungo applauditi e consolati da loro tifosi, il Borussia Dortmund  non vince la Champions da 22 anni e quest’anno in Bundesliga proverà ad interrompere la dittatura bavarese iniziata nel 2013.

Marzo è il mese delle grandi rimonte europee e proprio in questi giorni siamo stati testimoni di rimonte pazzesche con Ajax e Manchester United che hanno sbancato il Santiago Bernabeu e il Parco dei Principi sovvertendo ogni pronostico che li dava già per spacciati ed eliminati dopo i due match giocati 3 settimane fa.

Martedì prossimo potrebbe essere il giorno della nostra grande rimonta europea, crediamoci a aiutiamo la nostra squadra spingendola verso l’impresa.

di Lorenzo Grottoli

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...