Voli Pindarici

Minuto 13

“Ma sì, è la vita che finisce, ma lui non ci pensò poi tanto, anzi si sentiva già felice e ricominciò il suo canto.”

Così cantava Lucio Dalla, nella sua Caruso.
Il Canto di Davide, quello che ha lasciato qui, tutta la sua sportività, la sua correttezza, il suo talento, la sua educazione, ricomincia ogni qual volta questo sport riesce a regalarci qualcosa di bello, abbastanza da farci ricordare quanto bello fosse lui.
Un anno, da quella domenica che, ancora oggi, ricordiamo con enorme dolore. Tra l’ingiustizia di un destino che un ragazzo di soli trentuno anni non merita mai. La vita, a volte, lascia emozioni che restano per sempre, come quelle che abbiamo provato al tredicesimo minuto delle gare disputate in questa 26° giornata di campionato.
Tredici secondi di intensità, dedicati a Davide, tra gli applausi, le lacrime, di chi l’ha conosciuto ed anche il rispetto, l’amore, di chi ha fatto il tifo per lui.
Per tredici secondi, il mondo del calcio, si è unito, tralasciando conflitti, attriti, rivalità. In un abbraccio enorme, tutto per lui.

Era uno di quei giocatori che apprezzi a prescindere, perché, come spesso si dice, essere un grande uomo, vale più di qualsiasi prodezza tecnica e di qualsiasi colore di maglia si indossi.
Non solo un ottimo capitano, ma anche un compagno esemplare ed un giovane papà, ed ecco, è proprio alla sua famiglia che oggi, vanno i nostri più dolci, sentiti ed amorevoli pensieri.

Nella celebrazione in suo onore che si è tenuta questa mattina, il parroco ha paragonato Davide ad un albero che dà i suoi frutti. Frutti che sono, paradossalmente, ancora più evidenti adesso, che non c’è più.
E faremo finta di non aver letto, le insulse offese post Fiorentina-Inter, di qualche giorno fa, perché ahimè quello dei vigliacchi senza cervello sul web è un problema che dobbiamo ancora risolvere.

Oggi è il compleanno di Lucio Dalla e può sembrare che l’accostamento sia fuori luogo, ma ecco, entrambi hanno lasciato qui, sulla Terra, la bellezza del loro talento e la potenza delle loro anime.

E allora, ciao Lucio e ciao Davide.

Di Cinzia Perruccio

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...