#NonSoloJuve

AIR JORDAN

No, Hernanes non c’è!

Il primo fu Joahn Crujff. Lo sportivo di livello assoluto a divenire ed essere considerato azienda ancor prima che sportivo.

Da buon commerciante olandese fu il suocero del Profeta del Gol ad occuparsi della commercializzazione dell’immagine del quattordici più celebre al mondo.

Si era ancora alla fase embrionale.
L’epoca A.J.

Sì perché potremmo parlare di una sudddivisione temporale nello sport, come nella storia accade per un soggetto domiciliato in Bassa Galilea qualche anno fa.

Chi ha ricalcato le orme dell’ennesimo profeta di questo scritto è Michael Jeffrey Jordan.
(Sì, se vi siete alzati sul divano, urlando questo nome vi comprendo. Ad ogni Finals dovrebbe essere obbligatoria la celebrazione italica di The Shot)

L’epoca D.J. (Dopo Jordan) arriva quando il nostro protagonista era stato comunque scartato alle selezioni delle scuole medie.
Aveva vinto Titolo NCAA per la sua Alma Mater, NC del santone Dean Smith.
Neanche a sottolinearlo, con un suo tiro decisivo.
Aveva vinto l’oro olimpico con quella strana selezione(Steve Alford per Sir Charles ?) messa in piedi dal McArthur della panchina, Bobby Knight. Gli avevano preferito non uno, ma due giocatori, al momento del draft. Passi Houston, ma Portland proprio no….
Portland tornerà importante

Arrivò nella Lega professionistica e ben presto fu rivoluzione.
L’investitura ufficiale la diede un certo Larry Bird.

“Oggi in campo c’era Dio travestito da Jordan”

(in occasione di un 63 al Boston Garden contro i Celtics campioni)

Una società famosa, ancora in ambito solamente a stelle e strisce, mise sotto contratto Jordan.
A vita… Come per un portoghese isolano…
Sì, anche ora. Da pensionato. Nel 2018 gli ha corrisposto 100 milioni di dollari di royalties.
Quella società, ora famosissima è l’alata Nike. Che ha sede nella periferia di Portland.
100 milioni per quel marchio Air, con quel logo e quel soprannome nato più di 30 anni fa per le gesta atletiche di MJ.
Insieme alla Nike arrivarono altre mille Marchi. Ad esempio tutti vi ricorderete dello spot Gatorade. Ecco, questi ancora oggi gli versano quasi 20 milioni di dollari.
Come almeno altre 20 aziende.
Forbes calcola in più di cento milioni di dollari i guadagni annuali di Jordan.
Non a caso è il proprietario di una franchigia NBA(qui il fiuto di talent scout non è da Hall of fame)…

Come se CR7 comprasse l’Inter

Volutamente non ho fatto menzione dei sei anelli, dello spirito agonistico e di migliorarsi ogni giorno, Phil Jackson e Tex Winter, del primo ritiro, l’omicidio del padre, i Birmingham Barons, il ritorno, il divorzio dai Bulls, i Wizars, di Space Jam, le scommesse, le scazzottate con i compagni)

Jordan è stato il campione più trasversale ad ogni sport.

Ogni campione sportivo dovrebbe ringraziarlo per aver fatto di loro i divi del nuovo millennio.

Visto che se la passa malino dovrebbero versargli un euro a testa. Per ogni attività extra campo di gioco che fa guadagnare loro.

N.B. “Grosso modo” ha intascato più di due miliardi di euro di dollari

Be Like Mike

di Daniele Mulazzani

52569293_602599116830890_4386789041043931136_n.jpg

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...