DomenicaNO.. il punto!

DomenicaNO..il Punto! Puntata 2 “La Doppia morale degli infortuni in Nazionale”

LA DOPPIA MORALE DEGLI INFORTUNI IN NAZIONALE

Il weekend internazionale ha lasciato alcuni verdetti, tra certezze e sorprese.

L’Italia si è riscoperta solida e organizzata, ma poco ispirata sotto porta.

L’Olanda è nuovamente una realtà solida e tangibile.

L’Inghilterra è cinica, la Svizzera sorprendente.

La Germania continua a vivere il suo anno nero.

Sarebbe bello parlare di tutto questo e molti altri temi legati alla Pausa Nazionali.

In Italia però non va così. In Italia, ad ogni Pausa, tiene banco principalmente un argomento, che viene vissuto con pareri, opinioni e punti di vista (luminari e comuni), in maniera diametralmente opposta in base alla casacca vestita dai giocatori al di fuori dalla Nazionale: trattasi degli infortuni.

Ecco cosi che se Bernardeschi, già fuori da un quasi un mese e convocato (non si sa bene perché, o meglio, è bene far vedere che si punta su determinati giocatori forti, ma talvolta il buonsenso e i chiarimenti nel privato sarebbero la miglior soluzione) quasi a sorpresa dal CT, viene rispedito a casa al primo giorno a Coverciano (poiché sai com’è, è infortunato da un mese), il parere generale diviene quindi
“Te pareva, è Juventino”.

La doppia morale si evidenzia quando poi, nello svolgersi delle manifestazioni sportive, i vari Romagnoli, Calabria e Calhanoglu per il Milan, Manolas e Pellegrini per la Roma, Vrsaljko per l’Inter cosi come Pezzella per la Fiorentina (e se ne dimentico qualcuno sia chiaro che saranno ugualmente importanti per le squadre d’appartenenza) sono costretti ad abbandonare i ritiri anticipatamente a causa di guai muscolari (e non) piu o meno seri (e ne approfitto per dare la pronta guarigione a tutti, soprattutto a chi sembra averne per più tempo).

Ecco quindi che i commenti sul web non sono più accusatori, bensì si trasformano in bestemmie e imprecazioni per la sfiga e la punizione divina che affligge le loro squadre (vedi sostenitori dell’AC Milan), non tenendo presente che alcuni dei loro stessi infortunati rientrino alla base a scopo precauzionale, in egual maniera di quei giocatori che vestono bianconero.

Il punto più alto si raggiunge quando poi, dopo aver letto i vari “Non è possibile”, “abbiamo un gatto nero attaccato agli zebedei” (per non essere volgari), “ma tutte a noi”, “portate la squadra a Lourdes”, “Posso venirmi ad allenare io?” e tanti altri commenti fantastici in riferimento agli “infortunati” di casa loro, si ritorna all’ originario tono sarcastico quando è Pjanic ad abbandonare il ritiro della Bosnia causa infortunio e a scopo giustamente precauzionale:

“ahahahah ma dai, non me l’aspettavo proprio”

“sempre loro, chissà perché”

“infortunio più falso di (e qui sono vari i riferimenti “storici”, che di comun denominatore hanno le vittorie bianconere e le sconfitte altrui)”

Morale della storia: non puoi infortunarti e conseguenzialmente non giocare in Nazionale se giochi per la Juventus, anzi, devi giocare e rischiare più facilmente di farti male.

Per tutti gli altri vale invece la regola opposta, o se preferite chiamarla col suo nome, normalità.

Perché è normale che un giocatore che accusi un qualsiasi dolore e/o accenno di infortunio, rientri nel suo club (da cui è stipendiato) per prepararsi al meglio per gli impegni futuri.

E sarebbe normale se ti chiami Pellegrini, Calhanoglu, Pezzella o Vrsaljko, cosi come Bernardeschi o Pjanic:

in Italia no, non può essere così. L’anormalità diventa normalità, il contradditorio passa inosservato, anzi, giustificato dal fatto che “sono Juventini, eh figurati se..”

Il tifo e l’ignoranza sovrasta nuovamente, ancora e sempre di più, l’obiettività e, appunto, la normalità.

Pongo quindi a voi la seguente domanda:

messe da parte le ostilità, come si fa a definire “normali” tali tifosi?

 

di Nico Domenicano

Per seguire quotidianamente tutte le nostre rubriche e attività nel gruppo Facebook clicca qui 

Black&White1897® 

e richiedi l’iscrizione …Vi aspettiamo

L'immagine può contenere: testo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...