Compleanni da Ricordare

Compleanni da ricordare: Nicola Amoruso

#compleannidaricordare

E’ sempre stato un bomber di provincia che raggiunse il suo massimo picco giocando per la Juventus: Nicola #Amoruso , classe 1974, da Cerignola (FG), paese a pochi km dal paese natale di Padre Pio.
Ha militato in 13 squadre in Serie A, andando in gol con 12 di esse: entrambi i traguardi costituiscono un record (il secondo dei quali condiviso con Marco Borriello) per il calcio italiano. Detiene un altro singolare primato: limitatamente alla massima serie, in cui ha realizzato 113 reti, è il più prolifico tra gli attaccanti italiani che non hanno mai indossato la maglia della nazionale maggiore.
Nicola debutta nel grande calcio nella stagione 1993/94 con la maglia della Sampdoria, segnando 3 gol in sole 8 presenze, e vincendo la Coppa italia. Successivamente è in B alla Fidelis Andria e poi al Padova in serie A, dove è bomber della squadra retrocessa in B al termine della stagione, con 14 gol in 33 partite. Nell’estate 1996 arriva la chiamata della Juve campione d’Europa, che paga 7 miliardi di lire ai veneti. Con i bianconeri Nick gioca il più lungo periodo della sua carriera, quattro stagioni, di cui tre consecutive, vincendo due scudetti, una supercoppa italiana, Intercontinentale e Supercoppa Europea, raggiungendo per due volte la finale di Champions. Passa poi in prestito al Perugia, chiudendo la stagione proprio nella storica gara che fa perdere lo scudetto alla Juve.Una stagione poi a Napoli, dove retrocede con 11 gol fatti, poi torna da rincalzo alla Juve, ma a gennaio 2002 viene ceduto al Como, dove è promosso in serie A al termine della stagione, segnando 6 reti in 14 presenze, trovandosi sia campione d’Italia (con la Juve) che promosso in A nella stessa stagione. Nuova stagione a metà nel 2002/2003, prima a Perugia e poi Modena, dove subisce la sua terza retrocessione della carriera.Gioca poi al Messina, tre stagioni alla Reggina, poi Siena (mezza stagione, unica esperienza in A dove non segna), Parma ed Atalanta, chiudendo nel 2010 con la quinta retrocessione La stagione successiva rimane a Bergamo senza venir comunque inserito nelle liste di presentazione alla Lega di Serie B. Scaduto il contratto, si svincola dalla squadra bergamasca. Dopo un inizio di preparazione tornando a Perugia in Seconda Divisione, il 29 agosto 2011, giorno del suo trentasettesimo compleanno, decide di ritirarsi dall’attività agonistica.Il 15 settembre 2011 viene nominato responsabile del coordinamento dell’attività del Settore Giovanile della Reggina, lavorando con i tecnici delle varie formazioni giovanili, su tutti quelli della Primavera e degli Allievi Nazionali.Nel settembre 2012 inizia il corso da direttore sportivo a Coverciano. Il 15 maggio 2013 viene ingaggiato dal Palermo, neo-retrocesso in Serie B, come direttore sportivo, a partire dal mese di giugno. È stato voluto dal Direttore generale della società Patricio Teubal, con cui Amoruso ha svolto il corso di direttore sportivo,ed è stato presentato il 31 maggio seguente. Il 6 agosto 2013 rescinde consensualmente il suo contratto con il Palermo per motivi personali. Pur non giocando mai in Nazionale maggiore.ha vinto l’Europeo con l’Under 21 nel 1996 e partecipato come fuoriquota, senza giocare, alle Olimpiadi di Atlanta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...