C'era una Volta

C’era una Volta Capitolo 2 (Epoca dei Pionieri)

#ceraunavolta

L’EPOCA DEI PIONIERI – Capitolo secondo

Ci eravamo lasciati al primo novembre 1897 con un nome, Sport Club Juventus, e un Presidente, Eugenio Canfari.

Tra i soci del neonato sodalizio i più accesi fautori del ciclismo, della ginnastica, della lotta greco-romana, i “puri”, per intenderci, coloro che ancora non si sono lasciati ammaliare dal nuovo messaggio sportivo, per gradi abbandonano la Società lasciandola nelle mani dei footballer.
Per questo motivo bisogna rivedere la ragione sociale, bisogna renderla più aderente alla realtà.

Nel 1899 la denominazione viene modificata in FOOTBALL CLUB JUVENTUS – nome che rimarrà tale fino ai giorni nostri.

Intanto l’anno prima alla presidenza di Eugenio era succeduto il fratello Enrico Canfari e lo statuto a mano a mano viene completandosi con l’aggiunta di nuovi articoli. Uno di questi prevede per i giocatori il versamento annuo di 10 lire, mentre gli aggregati ne pagano 5, con però il diritto di assistere gratuitamente alle partite.

Per far conoscere meglio la Società ai torinesi Canfari e compagni bandiscono un torneo di calcio, invitando alla contesa le squadre cittadine più in vista.
Per l’occasione la Società adotta per la prima volta una #divisa di gioco: una ROSEA casacca di sottile parcalle, un berrettino di piquet bianco alla savoiarda, una fascia nera per cingere la vita, un pantaloncino nero, l’immancabile cravatta: nera anch’essa.
La scelta di questa sgargiante soluzione non era stata dettata da preferenze, ma più semplicemente era un ripiego imposto dalle precarie condizioni economiche in cui versavano gli eroici studenti juventini.
E così la stoffa che il padre di uno dei soci mise a disposizione prelevandola dai fondi di magazzino della sua azienda tessile, divenne la prima storica MAGLIA della Juventus.
Eugenio Canfari così sull’argomento: <<Chi indossa la nostra divisa le rimarrà fedele malgrado tutto e la terrà come prezioso ricordo.>>

Intanto l’arrivo del Novecento era alle porte, si entrava nell’ultimo secolo del millennio.
Alla Juventus si fa festa due volte: per salutare il secolo che nasce e soprattutto per festeggiare con un sontuoso cenone il Club appena iscritto al terzo #campionato della storia. Faccia attenzione il Genoa campione!
In canti esplode la gioia:

“Per il gioco del football
Poche doti sol ci vuol
Posseder buon colpo d’occhio
Pantalon corto al ginocchio
Gamba lesta molto fiato
Un po’ di english bestemmiato
E se il resto anche non c’è
Lo si mette col toupé
Dare i calci avanti indietro
Si così così così
Sbagliar gol di un solo metro
Si così così così”

L’avventura calcistica era appena cominciata assieme all’alba di un secolo nuovo che vedrà la Juventus segnarlo in modo molto marcato, sia da un punto di vista sportivo che da quello sociale.

N.B. nelle foto: Enrico Canfari, secondo presidente, vale a dire colui che è da ritenersi l’indiscusso trascinatore dei primi passi juventini; i footballer della Juventus impettiti nella leggendaria camicia rosa si propongono allo scatto in modo quasi ufficiale.

di Lorenzo Nicoletti

L'immagine può contenere: 1 persona
L'immagine può contenere: 11 persone, persone in piedi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...